Professionisti di fondos

la forza dell’euro potrebbe portare a una revisione delle previsioni dei profitti del business

la forza dell’euro è stato probabilmente un fattore chiave per la cattiva performance del mercato azionario in europa negli ultimi tre mesi
. Non curto prazo numero, pode causar algumas

la revisione delle previsioni dei profitti del business

, ma devi tenere a mente che le aziende a copertura di una parte della sua esposizione, e che molte delle aziende che sono più esposti all’economia del paese.

L’euro è forte, per due motivi:

:

1-

con Il miglioramento della situazione economica nella zona euro

è abbastanza chiaro per escludere la possibilità di una politica monetaria accomodante in corso. La zona euro è in recupero, in aumento di oltre il 2%, il tasso di disoccupazione si avvicina al bassi per il ciclo e l’inflazione, si può iniziare a rafforzare la loro. Così, in un modo conveniente, è chiaro che il ritiro di stimolo è la strada da percorrere, ma, come Mario Draghi ha già dichiarato in Sintra e cura
dovrebbe essere lì, in modo che il ritiro sarà molto graduale.

2-
per Il dollaro speso nella speranza di una grande spinta nel bilancio

dell’amministrazione Trump, la cui probabilità è diminuito durante i mesi estivi.

a lungo terminecrediamo che l’euro rimarrà forte nei prossimi anni, ma nel breve termine, sarebbe saggio per i movimenti di
. Nonostante il cambiamento di politica da parte della BCE, che è un dato di fatto che è ampiamente riconosciuto, invece, il mercato è molto scettico su quanto l’aumento del tasso di Fed nel prossimo paio di anni. Noi crediamo che la Fed aderire alla sua visione per quasi tre anni con un aumento ogni anno. Come risultato,
l’u.s. dollaro dovrebbe recuperare.

L’incontro il 26 ottobre, la BCEè considerato da molti di essere alla riunione, nella quale Mario Draghi annuncerà l’acquisto del debito verrà eliminato in gennaio 2018. Ma ci sono segni che il
la BCE potrebbe aspettare fino a dicembre


per finalizzare la strategia, e regolando la pianificazione del processo di standardizzazione. La questione dei limiti operativi acquisti della BCE dovrebbero svolgere un ruolo chiave.

Julien-Pierre Nouen, economista chefe da Lazard Frères Gestion

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *