Lavorare da casa: opportunità o miraggio?

Lavorare da casa: opportunità o miraggio?

Mai come in questo periodo il mondo del lavoro sta cambiando, trovarne uno per molti è una difficoltà, vuoi per la mancanza di offerta per la tua specializzazione e/o capacità, per l’eventuale sede di lavoro lontano da casa o difficile da raggiungere, insomma, i motivi possono essere tanti e vari, ed un’alternativa potrebbe essere lavorare da casa.

Oppure magari vuoi semplicemente provare qualcosa di nuovo, e l’idea di lavorare da casa, per arrotondare o per farne quello principale, ti attira.

Qualcuno di voi, a ragione, starà pensando che nel passato molte di queste tipo di offerte erano spesso e volentieri “truffaldine”, ma oggi è molto diverso e le opportunità serie ci sono, ma tieni sempre bene aperti gli occhi su cosa ti viene proposto.

E’ bene sapere che anche lavorare da casa comporta impegno, e per questo è sempre preferibile che cerchi un’attività in base ai tuoi interessi e/o capacità, in cui sentirti portato, o almeno pensi di esserlo.

Ma quali sono i veri lavori da casa che si possono fare? Vediamoli insieme.

Lavorare da casa, consigli e regole principali

Parti dal presupposto che lavorare da casa è comunque un vero e proprio lavoro, e che ti serviranno sopratutto pazienza e voglia di farcela per raggiungere l’obiettivo che ti sei fissato, e sono questi due principali aspetti che determineranno il tuo successo o meno.

Come già accennato stai attento a quanto viene proposto in rete, evita ad esempio i cosiddetti sistemi piramidali, a chi propone guadagni chiedendo semplicemente di visitare dei siti o di cliccare sugli annunci pubblicitari, non sono questi i lavori da casa che ti premetteranno di guadagnare, ma su questo argomento troverai un’approfondimento in un paragrafo alla fine.

Scegli prima cosa fare in base alle tue passioni, hobby o professioni che hai già svolto nel tempo, e parti da questo, ed in seguito prepara un programma da seguire per arrivare all’obiettivo fissato.

Lavorare da casa: inserimento dati – Data Entry

Il lavoro di inserimento dati, più comunemente conosciuto come data entry è una figura lavorativa che viene spesso richiesta in rete, basta fare una ricerca per trovare molte offerte.

In generale si tratta di inserire dei dati in un sistema informatico e per questo si deve avere una buona conoscenza degli applicativi più conosciuti e una discreta velocità nell’uso del computer.

Tieni presente che la tendenza attuale del mercato richiede al data entry anche altre abilità oltre alla semplice inserzione di dati, come, ad esempio, esperienza e/o abilità nell’e-commerce per inserire articoli nei cataloghi online, ed in generale che i contenuti inseriti siano il più possibile seo-oriented.

Lavorare da casa: Trading Online

Immagine che rappresenta grafico valori della borsa
Il Trading Online

Forse avrai già sentito questo termine, fare trading vuol dire, in breve, fare compravendita di strumenti finanziari, ad esempio di azioni di società quotate in borsa o di valute monetarie, attraverso delle piattaforme apposite, ma vediamo di preciso di cosa si tratta.

Il trader, ovvero colui che fa trading, lavora in proprio investendo in borsa, anche da casa, con l’ausilio di strumenti di analisi, così da poter avere un’aiuto su come orientarsi.

Diventare trader è alla portata di chiunque, ma è sempre bene effettuare dei corsi, se ne trovano sia gratuiti che a pagamento, così da avere una base di informazioni che ti possa permettere di conoscere i mercati e le giuste strategie.

Sicuramente ti starai domandando se è veramente possibile guadagnare facendo trading, la risposta in generale è si, ma dipende anche dalla piattaforma di trading che si sceglie, dall’impegno che metterai in questa attività, e non ultima l’esperienza che accumulerai nel tempo.

Un consiglio che sento di darti è quello di cercare in rete le demo del trading online sulle piattaforme più conosciute, ovvero la possibilità di aprire un conto virtuale, senza investire nulla, ed iniziare così a capire come funziona il mondo del trading.

Lavorare da casa: assistente virtuale

Un’altra attività da svolgere in casa che sta prendendo sempre più piede è l’assistente virtuale, una figura professionale che aiuta liberi professionisti e imprenditori che non possono permettersi di assumere una segretaria o che non hanno una sede fisica, gestendo tutti quegli aspetti legati all’organizzazione lavorativa, fornendo loro aiuto così da liberarli dalle varie incombenze quali compiti di segreteria, amministrativi, gestione di un eventuale sito, ricerche di mercato ecc.

Se hai esperienza in uno o più di queste capacità lavorative fai una ricerca in rete e vedrai che sono molte le richieste per questo lavoro.

Lavorare da casa: traduzioni online

Se conosci bene una lingua straniera allora il lavoro di traduzioni online potrebbe fare al tuo caso, ci sono molte aziende che cercano questo tipo di figura professionale, per la traduzione in altre lingue di siti web, case editrici per la traduzione di libri o di documenti in generale.

Devi ovviamente padroneggiare molto bene la lingua, o le lingue, per cui ti offri come traduttore indipendente.

Anche qui, come per tutti gli altri lavori da casa basta fare una ricerca per trovare le offerte per questo tipo di lavoro.

Lavorare da casa: contabile

Come per l’assistente virtuale anche la figura del contabile che lavori da casa è sempre più richiesta per gli stessi motivi, mancanza di una sede, il non poter assumere una persona, ecc.

Se hai una formazione/preparazione per la ragioneria questa è una buona opportunità di lavoro che, come le altre, ti permette di gestire i tuoi tempi, compatibilmente con le esigenze del tuo cliente e della mole di lavoro.

Lavorare da casa: call center

Immagine di operatrici di Call Center
I Call Center

Lavorare nei call center è una soluzione verso cui molti si rivolgono, data la costante richiesta di lavoratori in questo settore, ed è possibile farlo anche da casa propria, e si divide in due tipologie, quelli inbound e outbound.

Nella formula inbound si ricevono le chiamate e sei tu a rispondere, e di solito sono per assistenza tecnica o commerciale su prodotti e servizi, mentre nella outbound sei tu a fare le chiamate per televendite, offerte commerciali, ecc.

Di solito è un lavoro che molti scelgono come temporaneo, ma non è detto che non diventi una scelta a lungo termine se senti di trovarti a tuo agio.

Normalmente il settore inbound è quello più remunerativo e non vincolato al numero di chiamate fatte o appuntamenti/contratti fatti, ma metti in conto di dover avere prima di tutto una conoscenza e una formazione del prodotto o servizio di cui ti occuperai, che di solito ti fornirà la società per cui lavorerai, e di trovarvi a parlare con gente che fa reclami e domande per problemi di tutti i tipi.

Lavorare da casa: copywriter

Se sei portato alla scrittura il lavoro di copywriter, che consiste nello scrivere testi pubblicitari, contenuti per siti web, blog e tanto altro.

Un esempio di cosa può fare un copywriter sono gli articoli del nostro sito, ma tieni a mente che non basta solo saper scrivere, e che per poter avere successo e ampliare il tuo pacchetto di clienti bisogna anche essere innovativi, tenere bene a mente l’obiettivo da raggiungere e saper realizzare contenuti orientati alla Seo, per fare in modo di ottenere una certa visibilità ai motori di ricerca.

Lavorare da casa: altre idee

Fin qui ti ho descritto quelli che considero lavori da fare comodamente da casa tra i più diffusi, ma ne esistono molti altri, di cui alcuni che prevedono piccoli spostamenti nella tua zona di residenza.

Dipende sempre dalle tue capacità o da cosa sei maggiormente attratto, e qui di seguito ti elenco altre idee e spunti che potrebbero interessarti:

  • baby sitter, se ami i bambini e hai una discreta esperienza con loro;
  • ripetizioni a casa, se sei particolarmente ferrato in qualche materia scolastica;
  • dog sitter, come per i bambini se sei abile con i nostri amici a quattro zampe puoi proporti per occuparti di loro quando i loro padroni non possono farlo:
  • assistere gli anziani, molti di loro hanno semplicemente bisogno di chi possa fare varie commissioni, ad esempio la spesa, ritirare il loro farmaci, e per queste attività ovviamente non ti serve nessuna qualifica sanitaria o similare;
  • insegnare le basi di informatica, se sei abbastanza bravo con i computer potresti proporti come aiuto alle persone che non sanno usarlo, e non ti serve essere laureato per questo, non immagini quanti non sappiano usarlo semplicemente per navigare in internet, aprire una mail o creare un documento.

Lavorare da casa: attenti alle truffe

Come ti avevo accennato all’inizio di questo articolo purtroppo ancora oggi si può incappare in proposte di lavoro che non siano del tutto oneste, se non addirittura truffaldine, e voglio darti qualche consiglio di base per evitare di trovarti in situazioni poco chiare.

Qualunque offerta che ti prometta guadagni elevati in breve tempo deve farti scattare un campanellino di allarme, lavorare da casa è un lavoro vero e proprio e come tale non può, salvo rarissimi casi, farti diventare ricco dall’oggi al domani.

Controlla bene il sito che stai consultando, verifica che ci sia una mail che non sia generica, intendo quelle tipo [email protected], [email protected] perchè una ditta seria avrà sempre un dominio tutto suo, del tipo se la società si chiama “lavoroadistanza” dovrebbe essere [email protected]

Altro sintomo di probabile truffa è la richiesta di un investimento iniziale da parte tua, magari giustificato dal fatto di metterti a disposizione del materiale, che potrebbe essere un libro per prepararti al meglio o l’acquisto di un software gestionale.

Controlla che sul sito ci siano i dati completi della società, partita iva o iscrizione alla camera di commercio, e controlla facendo una ulteriore ricerca sul nome, spesso in rete potresti trovare delle recensioni e capire se sei di fronte ad una vera offerta o meno, e verifica inoltre che la società esista veramente e che abbia una sede fisica.

Se sei convinto della bontà dell’offerta che ti faranno chiedi comunque un contratto chiaro, dove dovranno essere riportate le mansioni che dovrai svolgere, il tipo di compenso e la durata, altrimenti potresti ritrovarti ad aver fatto dei lavori e di non venir pagato con la scusa di fare prima un periodo di prova non retribuito, e con la promessa di sottoscrivere solo in seguito un accordo scritto.

Lascia un commento