Porto d’armi uso sportivo, ecco cosa devi sapere

Vorresti sparare per sport e non sai quali autorizzazioni servono? Ti domandi a che cosa serva il porto d’armi uso sportivo e quanto costi? O vuoi sapere quali sono i requisiti per ottenerlo?

In ogni caso, abbiamo deciso di dedicare a questo tema un approfondimento esclusivo, cercando di capire cos’è il porto d’armi uso sportivo, come si richieda, quanto costi e tutto ciò che devi sapere!

Cos’è il porto d’armi uso sportivo

Il porto d’armi uso sportivo è una particolare licenza che viene rilasciata per poterti consentire di usare armi comuni e sportive per il tiro a segno.

Avere un porto d’armi uso sportivo ti darà il diritto di “fare” diverse cose che, in caso contrario, non potresti certamente effettuare (anzi, rischieresti molto sotto il profilo penale).

porto d'armi uso sportivo

Porto d’armi per uso sportivo: guida con informazioni utili

Per esempio, l’ottenimento di un porto d’armi per uso sportivo ti permetterà di tenere in casa e usare in campi da tiro un numero illimitato di armi da caccia, fino a 3 armi classificate come comuni da sparo, e fino a 12 armi classificate come sportive.

Se invece desideri avere più armi di queste, dovrai richiedere una speciale licenza per “collezione di armicomuni da sparo”. Ma attenzione: questa licenza ti impedisce di spostare le tue armi dal luogo di denuncia della collezione, mentre con la licenza del porto d’armi uso sportivo – come abbiamo già visto – potrai spostare le armi anche altrove (ad esempio, nel tragitto verso il campo da tiro a volo).

Richiesta porto d’armi uso sportivo

Se vuoi ottenere un porto d’armi uso sportivo la prima cosa che devi fare è andare dal tuo medico di famiglia e farti rilasciare un certificato medico anamnestico, che attesti la tua idoneità fisica e mentale.

Una volta che hai in mano il certificato, recati da un ufficiale sanitario ASL: l’ufficiale effettuerà un’ulteriore visita, e ti darà – in caso di esito soddisfacente – un altro certificato sanitario che ti servirà per poter prendere il porto d’armi uso sportivo.

A questo punto, dovrai anche prepararti all’esame di idoneità, che serve principalmente a valutare la tua capacità di maneggiare e di utilizzare un’arma in completa sicurezza. Non tutti devono però passare per l’ottenimento di tali esami: sono i militari di leva, che potranno non sostenere le prove se dimostrano di avere un foglio di congedo dal servizio militare non eccedente i 10 anni.

Per tutti gli altri, la strada è quella di recarsi in un poligono, campo da tiro o tiro a segno, iscritto all’Unione Italiana Tiro a Segno (UTIS) o al Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI).

Regole porto d’armi uso sportivo

Ma in che cosa consiste questa prova? Sinteticamente, il percorso di formazione sarà suddiviso in due parti.

Nella prima parte, teorica, ti verranno insegnate le principali norme e regolamenti di sicurezza da rispettare quando si maneggia un’arma, e le parti strutturali di un’arma, il loro funzionamento, e altro ancora.

Nella seconda parte, pratica, ti verrà insegnato come mantenere la giusta postura, impugnatura e movimenti di puntamento e di scatto. Appreso ciò, verrai sottoposto a delle serie di prove per poter comprendere se sei in grado di maneggiare con la giusta sicurezza la tua arma, e mantenere una corretta posizione di tiro.

Superate queste fasi, ti verrà rilasciato uno specifico diploma di idoneità al maneggio delle armi che, unitamente all’altra documentazione richiesta, dovrà essere portato presso una sede della Polizia o dei Carabinieri, che inoltreranno il tutto alla Questura di competenza.

Tempi di attesa porto d’armi uso sportivo

Ma quali sono i tempi di attesa per il porto d’armi uso sportivo? Quanto bisogna attenere per avere il porto d’armi?

Se hai fatto tutto correttamente, e se le tue certificazioni saranno ritenute idonee, il porto d’armi uso sportivo potrebbe essere rilasciato entro due mesi. Molto dipenderà non solamente dai tempi della Questura (che verificherà i documenti ottenuti) quanto anche dai tuoi tempi legati alla compilazione dei moduli per la richiesta del porto d’armi, e dall’effettuazione dei versamenti per le spese burocratiche.

Documenti per il porto d’armi uso sportivo

A questo punto, riprendiamo il filo logico che avevamo lasciato qualche riga fa. Una volta che la Questura ti contatterà per confermarti la bontà della documentazione prodotta, dovrai presentare presso i suoi uffici alcuni documenti come:

  • due marche da bollo da 16 euro, applicate su richiesta e licenza;
  • certificato medico di famiglia e certificato medico ASL con marca da bollo da 16 euro;
  • ricevuta di versamento di 1,27 euro per il costo del libretto (da effettuarsi su conto dell’Ufficio di Tesoreria dello Stato);
  • due foto tessera recenti di cui una autentica;
  • diploma di idoneità al maneggio delle armi, o foglio di congedo militare entro 10 anni dal rilascio;
  • dichiarazione sostitutiva di residenza e stato di famiglia.
uso sportivo del porto d'armi

Uso sportivo porto d’armi

Costo porto d’armi uso sportivo

Ma quanto costa il porto d’armi uso sportivo? Cerchiamo di sintetizzarlo, riassumendo quali sono i principali oneri che dovresti cercare di sostenere:

  • certificazione di idoneità psico-fisica (circa 50 euro) con marca da bollo (16 euro);
  • iscrizione in un circolo di tiro a segno e rilascio del diploma (circa 200 euro) con marca da bollo (16 euro);
  • foto tessere e pagamento del costo del bollettino (circa 5 euro in tutto);
  • marche da bollo per modulo richiesta e licenza (32 euro).

Insomma, complessivamente il costo potrebbe superare i 300 euro, anche se molto dipende dalla componente più “cara”, rappresentata dal costo delle lezioni.

Rinnovo porto d’armi uso sportivo

Una volta che avrai ottenuto il porto d’armi uso sportivo, questo varrà per 5 anni. Ne deriva che prima della scadenza del quinquennio dovrà provvedere al rinnovo di tale documentazione, presentando in Questura:

  • porto d’armi scaduto o in scadenza;
  • autocertificazione di residente e dello stato di famiglia;
  • due foto tessera, di cui una autenticata;
  • certificato amnestico del medico di famiglia e certificato sanitario del medico dell’ASL;
  • domanda di rinnovo in carta bollata;
  • versamento da 1,27 euro da effettuarsi in favore dell’Ufficio di Tesoreria dello Stato;
  • due marche da bollo da 16 euro.

Tieni conto, in tal senso, che è buona abitudine evitare di attendere la scadenza dl documento, ma provvedere al rinnovo prima della sua scadenza: puoi farlo fino a 180 giorni prima di questo termine.

Età minima porto d’armi uso sportivo

Ma quale è l’età minima del porto d’armi per uso sportivo? I minorenni possono sparare? O a loro è precluso l’esercizio del tiro a volo?

Il tema è, come tutto ciò che riguarda l’uso delle armi, abbastanza delicato. E, dunque, val sicuramente la pena spendere qualche parola in più per evitare confusioni che potrebbero altresì essere in grado di aprire margini molto gravi sotto il profilo della responsabilità.

Per far ciò, evidenziamo come l’età minima per poter ottenere il porto d’armi uso sportivo sia pari a 18 anni, e che – contrariamente a quanto potresti trovar scritto altrove – non esistono degli speciali porti d’arma per i minori.

Ad ogni modo, questo non significa che chi abbia meno di 18 anni non possa sparare presso poligoni o tiro a segno. Potrà tuttavia farlo solamente sotto la supervisione dei genitori e di un responsabile. Anche in questo caso, di norma, viene richiesta l’iscrizione al tiro a segno o al campo di tiro.

E tu che ne pensi? Hai mai provato ad ottenere un porto d’armi? Quali sono state le procedure che hai seguito?

Lascia un commento