Start Up Innovative: cose da sapere

A partire dal 2012 nel nostro Paese è stata introdotta una nuova tipologia di impresa: la Start Up Innovativa. Ma di cosa si tratta? Come funzionano le Start Up Innovative? Quali sono i requisiti? E quali i vantaggi? E conviene aprire una Start Up Innovativa?

Come puoi ben immaginare, l’argomento è piuttosto complesso, e merita una trattazione piuttosto approfondita.

Ritagliati pertanto qualche minuto di tempo e continua a leggere: scoprirai tutto ciò che devi sapere sulle Start Up Innovative!

Significato Start Up Innovative

Le Start Up Innovative sono state introdotte nel nostro ordinamento per poter incentivare l’apertura di nuove imprese ad alto tasso di innovazione, siano esse digitali, industriali, artigianali, sociali, commerciali, agricole, di servizi.

Dunque, è una forma agevolata (vedremo poi come), che giovani e non giovani possono aprire per poter condurre le proprie iniziative in maniera ancora più conveniente. Di contro, il Paese dovrebbe avvantaggiarsene attraverso la possibilità di disporre di un complessivo maggiore tasso di innovazione interna.

Ma è davvero così? Cerchiamo innanzitutto di sapere in modo esatto e puntuale cosa sono!

Cosa sono le Start Up Innovative

La prima cosa che devi capire è che la normativa sulle Start Up Innovative NON si riferisce a tutte le Start Up, ovvero a tutte le imprese di nuova costituzione, bensì solamente a quelle che operano nel campo dell’innovazione tecnologica.

Al di là di ciò, e al di fuori di questa distinzione, non ci sono altre limitazioni: la Start Up Innovativa può operare in qualsiasi campo, da quello produttivo a quello agricolo.

Requisiti Start Up Innovative

Alle misure agevolative che tra breve avremo modo di esaminare, possono accedere le Start Up Innovative che sono costituite sotto forma di società di capitali (Spa, Srl, Sapa), anche cooperative, le cui azioni o quote non sono quotate su un mercato regolamentato (come quello di Borsa Italiana).

start up innovative requisiti

Requisiti delle Start Up innovative

Quanto sopra, però, non basta per poter qualificare una Start Up come Start Up Innovativa. È infatti necessario che la società:

  • sia di nuova costituzione o di costituzione recente (intesa come un’anzianità inferiore a 5 anni);
  • abbia sede principale in Italia o in un altro Paese membro dell’Unione Europea, oppure in Stati che aderiscano all’accordo sullo Spazio economico europeo, a patto che abbia almeno una sede produttiva o una propria filiale in Italia;
  • presenti un valore annuo della produzione inferiore a 5 milioni di euro;
  • non distribuisca e non abbia distribuito utili;
  • abbia come oggetto sociale esclusivo o prevalente lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o di servizi innovativi ad alto valore tecnologico;
  • non sia costituita attraverso fusione, scissione societaria o cessione di azienda o di ramo di azienda.

Ma come è possibile definire il contenuto innovativo di una Start Up Innovativa? In fin dei conti è questo il punto centrale e più importante di tutto il nostro approfondimento, visto e considerato che se l’impresa ha contenuto innovativo può accedere a delle importanti agevolazioni, mentre se non viene dimostrato il contenuto innovativo, dovrà essere considerata alla stregua di qualsiasi altra Start Up.

Ebbene, anche in questo caso la legge che ha istituito le Start Up Innovative è piuttosto precisa, indicandoci che il contenuto dell’impresa è innovativa se rispetta almeno uno dei seguenti tre criteri:

  • almeno il 15% del fatturato o dei costi annui sono ascrivibili alle attività di ricerca e di sviluppo;
  • almeno 1/3 della forza lavoro è costituita da dottorandi, dottori di ricerca, ricercatori, oppure almeno 2/33 dei soci e dei collaboratori devono essere laureati;
  • l’impresa deve essere titolare, depositaria o licenziataria di un brevetto registrato o di un programma per elaboratore originario registrato.

Non si tratta di requisiti particolarmente stringenti, ma comunque sufficienti a denotare il livello di innovazione del contenuto dell’impresa!

Come funzionano le Start Up Innovative

Se ritieni che la tua Start Up possa rispettare i requisiti di cui sopra, puoi procedere all’apertura di una simile forma societaria.

Tieni conto che le Start Up Innovative devono registrarsi nelle rispettive sezioni speciali del Registro delleImprese, create appositamente presso le Camere di Commercio. L’iscrizione  è gratuita, e avviene in modo piuttosto rapido: sarà infatti sufficiente trasmettere – sempre per via telematica – alle Camere di Commercio (e in particolar modo a quella territorialmente competente) una dichiarazione di autocertificazione di possesso dei requisiti che abbiamo sopra esposto in brevità.

Dunque, un’autocertificazione che rende molto più semplice l’iscrizione alla sezione speciale e, complessivamente, l’avvio della propria attività in qualità di Start Up Innovativa. Ma fai attenzione: il fatto che ci si basi su un’autocertificazione non ti da naturalmente diritto di dimenticarti dei requisiti stringenti che prima abbiamo avuto modo di riassumere.

Di fatti, le Camere di Commercio effettuano dei controlli sull’effettivo possesso dei requisiti previsti e, in aggiunta a ciò, devi pur sempre considerare che c’è l’obbligo di aggiornare due volte l’anno (entro il 30 giugno e il 31 dicembre) i dati che sono stati forniti al momento dell’iscrizione nella sezione speciale. Una volta l’anno bisogna anche confermare il possesso dei requisiti stessi, pena la perdita dello status speciale e delle agevolazioni correlate.

Agevolazioni Start Up Innovative

Introdotto quanto sopra, occupiamoci ora di capire quali sono le numerose agevolazioni che la legge ha previsto per le Start Up Innovative.

Per rendere più semplice la consultazione dei principali benefit di cui potesti avvantaggiarti, li abbiamo schematizzati nei seguenti punti.

Costituzione digitale e gratuita. Come abbiamo già rammentato, le Start Up Innovative possono iscriversi online, e possono peraltro redigere l’atto costitutivo attraverso un modello standard tipizzato, facendo ricorso alla firma digitale.

start up innovative agevolazioni

Agevolazioni Start Up innovative

Non solamente potrai costituire la tua Start Up Digitale senza uscire di casa e utilizzando un processo semplificato, completamente digitale, ma potrai farlo anche in modo totalmente gratuito, con evidente risparmio rispetto alla procedura standard con atto pubblico.

Dunque, inizia fissare a mente un vantaggio sicuramente non sottovalutabile: l’intero processo si svolge online, su piattaforma dedicata, con riconoscimento dell’identità dei sottoscrittori dell’atto che viene assicurato dalla fruizione della firma digitale.

Nessun pagamento di diritti camerali e imposte di bollo. Alle Start Up Innovative non si applica il diritto annuo camerale in favore delle Camere di Commercio, e nemmeno i diritti di segreteria e l’imposta di bollo che vengono generalmente pagati per gli adempimenti da effettuare presso il Registro delle Imprese.

Deroga alla disciplina societaria ordinaria. Ancora, Alle Start Up Innovative che vengono costituite sotto forma di Srl è consentito di:

  • creare delle categorie di quote di partecipazione che sono dotate di particolari diritti (tra i principali esempi, categorie di quote che non attribuiscono diritti di voto o che ne attribuiscono in misura non proporzionale all’effettiva partecipazione);
  • effettuare operazioni sulle proprie quote di rappresentazione del capitale sociale;
  • emettere strumenti finanziari partecipativi;
  • offrire al pubblico delle quote di capitale.

In altri termini, con simili caratteristiche e possibilità, le Srl Innovative sono più vicine alla forma tipica di una Spa.

Proroga del termine per la copertura delle perdite. Come noto, in caso di riduzione del capitale di oltre un terzo a causa delle perdite, il termine ordinario entro il quale la perdita deve risultare diminuita a meno di un terzo è del primo esercizio successivo. Nel caso di Start Up Innovative, invece, il termine è prorogato al secondo esercizio successivo.

Nell’ipotesi di riduzione del capitale per perdite al di sotto del minimo legale, l’assembla – alternativamente all’immediata riduzione del capitale e al contemporaneo aumento dello stesso ad un importo che non sia inferiore al minimo legale – può deliberare il rinvio della decisione alla chiusura del successivo esercizio.

Deroga alla disciplina su società di comodo e in perdita sistematica. Le Start Up Innovative non sono soggette alla disciplina delle società di comodo e alle società in perdita sistematica. Da quanto sopra ne deriva che nel caso in cui la tua impresa non riesca a conseguire dei ricavi congrui, o sia in perdita fiscale sistematica, non scattano le penalizzazioni fiscali che sono invece generalmente previste, come l’imputazione di un reddito e di una base imponibile Irap minimi, l’uso limitato del credito IVA, l’applicazione della maggiorazione Ires del 10,5%.

Esonero dall’obbligo di apposizione del visto di conformità per compensazione dei crediti IVA. La normativa ordinaria, prevista per la generalità delle imprese, prevede l’apposizione del visto di conformità per la compensazione in F24 di crediti IVA superiori a 15 mila euro. Nel caso di Start Up Innovative, invece, l’esonero dall’obbligo di apposizione del visto per la compensazione dei crediti IVA opera fino a 50 mila euro.

Remunerazione flessibile. Fatto salvo il rispetto di un minimo tabellare, le parti possono scegliere di stabilire quale quota di remunerazione assoggettare a fisso, e quale a variabile. La parte variabile può per esempio dipendere dalla redditività dell’impresa o dalla produttività di lavoro, o ancora ad altri obiettivi e parametri di rendimento concordati tra le parti. Inoltre, le Start Up Innovative possono remunerare i propri collaboratori con strumenti di partecipazione al capitale sociale (stock option) e i fornitori di servizi esterni con schemi di work for equity.

Incentivi fiscali per investimenti di capitale. Le persone fisiche possono godere di una detrazione Irpef del 30% degli investimenti in Start Up Innovative fino a 1 milione di euro, mentre le persone giuridiche possono beneficiare di una deduzione dall’imponibile Ires del 30% dell’investimento fino a 1,9 milioni di euro.

Reperimento di capitali con equitycrowdfunding. Le Start Up Innovative possono reperire fondi mediante diverse forme di reperimento di capitale con l’equitycrowdfunding.

Intervento semplificato e gratuito al Fondo di garanzia. Le Start Up Innovative possono beneficiare dell’accesso semplificato, gratuito e diretto al Fondo di garanzia per le piccole medie imprese, che concede garanzie sui prestiti bancari a copertura fino all’80% del credito erogato dalla banca alle imprese, fino a un massimo di 2,5 milioni di euro.

Accesso ai servizi ICE. Le Start Up Innovative possono godere di uno sconto del 30% sui costi standard dei servizi che l’Agenzia ICE predispone in favore dell’internazionalizzazione delle Start Up.

Fail-fast. Particolarmente interessante è, per le Start Up Innovative che non riescono a garantirsi l’auspicato successo, l’accesso a procedure più rapide e meno gravose rispetto a quelle ordinarie per concludere le proprie attività. Tra le agevolazioni, ricordiamo per esempio l’assoggettamento in via esclusiva alle procedure di composizione della crisi da sovra-indebitamento e di liquidazione del patrimonio, e l’esonero dalle procedure di fallimento, di concordato preventivo e di liquidazione coatta amministrativa. Insomma, la tua Start Up Innovativa sarà un soggetto non fallibile.

Opinioni Start Up Innovative

A questo punto non possiamo che concludere soffermandoci per qualche istante sulla convenienza o meno ad aprire una Start Up Innovativa, e sulle opinioni legate a questo tassello del mosaico che il legislatore ha predisposto per poter favorire il tasso di complessiva innovazione imprenditoriale italiana.

start up innovative opinioni

Opinioni sulle start up innovative

Dalla lettura di quanto sopra dovresti esserti reso conto che, effettivamente, la gamma di vantaggi e di agevolazioni che vengono oggi riconosciute in favore delle Start Up Innovative è piuttosto numerosa e ben nutrita.

Per esempio, costituire e gestire una Start Up Innovativa è evidentemente più economico e conveniente rispetto alla costituzione e alla gestione di una qualsiasi attività d’impresa ma… a ben vedere i benefici legati all’accesso di questa particolare forma d’impresa non finiscono certamente qui, ma arricchiscono il percorso di sviluppo della tua iniziativa imprenditoriale, perfino nel caso in cui non vada a buon fine, e dunque sia necessario ricondurre in chiusura i tuoi sforzi.

Con queste premesse, non possiamo che consigliarti di valutare con attenzione la convenienza ad aprire una Start Up Innovativa, se ne possiedi i requisiti. I vantaggi immediatamente conseguibili fin dall’apertura semplificata, e quelli che potrai invece usufruire nella conduzione del business, valgono sicuramente la pena di essere ponderati con fiducia.

Per maggiori informazioni ti invitiamo a contattarci e a domandarci ogni dettaglio sulla formazione e sulla gestione di una Start Up Innovativa. Puoi naturalmente anche rivolgerti all’ufficio territorialmente competente della Camera di Commercio, o ancora al sito internet del Ministero dello Sviluppo Economico, dove troverai ogni materiale informativo su come costituire, gestire e chiudere una società di capitali avente un contenuto altamente innovativo.

Non ci resta che augurarti in bocca al lupo, con la tua nuova iniziativa imprenditoriale!

Lascia un commento