VIES: la guida completa

Vies, sigla di VAT Information Exchange System, ovvero sistema di scambio di informazioni tra i paesi EU, è un servizio web per il controllo delle partite IVA di tutti gli operatori economici che operano all’interno dell’Unione Europea.

Come funziona il Vies

L’archivio informatico del Vies, che viene aggiornato costantemente da tutte le nazioni degli stati membri, a cui ci si può iscrivere in modo gratuito, fornisce in alcuni casi anche altre informazioni oltre alla semplice verifica del numero di partita IVA.

Chiunque vuol fare operazioni commerciali, sia come ditta individuale che società, al di fuori dello stato dovrà richiedere l’inserimento nell’archivio, e può essere fatto sia nel momento della richiesta della partita Iva che, successivamente, in via telematica.

Scopo del Vies

Il Vies nasce principalmente come strumento contro le frodi fiscali relativamente all’IVA, ma anche per dare alle imprese uno strumento con cui trovare informazioni ed esistenza di clienti e fornitori esteri.

Chi si deve iscrivere al Vies

Sono obbligati a iscriversi al Vies tutti i soggetti IVA che devono o vogliono scambiare beni o servizi con altri paesi dell’Unione Europea

Modello Intrastat per le operazioni intracomunitarie
Modello Intrastat per operazioni intracomunitarie

Perché iscriversi al Vies

Iscriversi al Vies è fondamentale per poter emettere/ricevere fatture intracomunitarie con esclusione IVA, poiché, ad esempio, anche se si è soggetti con partita IVA ma non si è inseriti nell’archivio qualsiasi acquisto effettuato in altro stato membro verrà equiparato come se si acquistasse da privato, e quindi assoggettato ad IVA.

L’iscrizione, come accennato prima, può essere effettuata sia in fase di dichiarazione di inizio attività tramite il modello AA7, o se persona fisica tramite il modello AA9. oppure nel caso si abbia già partita IVA tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate se si è iscritti o in alternativa tramite intermediari autorizzati.

Come controllare l’archivio del Vies

Il controllo delle partite IVA di eventuali clienti/fornitori esteri è fondamentale per vari motivi, permette di accertarsi sia dell’esistenza della controparte che della sua esattezza, ed è importante controllare spesso per verificare che non ci siano stati cambiamenti.

Inoltre, anche se i tempi di aggiornamento dell’archivio Vies si aggira sui 30 giorni, fornisce una certa sicurezza che la controparte non abbia o non sia passata ad un regime agevolato che non consentirebbe la detrazione IVA, accertando la sua iscrizione al Vies.

In alcuni casi è possibile, a seconda del paese di origine, trovare ulteriori informazioni quali il nome e l’indirizzo del soggetto.

Fare il controllo, anche della propria iscrizione, è semplice, basta andare in questa pagina del sito della Commissione Europea ed inserire i dati richiesti.

Operare senza essere iscritti al Vies

Effettuare operazioni intracomunitarie senza essere iscritti al Vies comporta una violazione delle norme nazionali e comunitarie, ed in questo caso deve essere fatta immediatamente l’iscrizione anche se ciò non esonera dalle conseguenze.

E’ comunque un caso raro, in quanto nessun operatore estero effettuerebbe scambi di beni e/o servizi con un operatore nazionale che non sia presente nell’archivio Vies.

Se da un controllo si riscontra che l’operatore estero a cui si cedono beni e/o servizi non è inserito nel Vies basta emettere la fattura con IVA per essere in regola.

Uscire dal Vies

La cancellazione dal Vies può avvenire:

  • per cessazione comunicata dal contribuente stesso;
  • per revoca dal parte dell’Agenzia delle Entrate, in caso di controllo, riscontri irregolarità nei dati forniti nel momento dell’iscrizione;
  • per revoca, sempre dall’Agenzia delle Entrate, nel caso il contribuente non presenti gli elenchi delle operazioni intracomunitarie per quattro trimestri consecutivi.


Lascia un commento